Don Eric Manirambona, è nato a Binyuro nel comune di Vyanda della provincia di Bururi (Burundi), il 14 marzo 1982. Ha frequentato le scuole elementari a Bugeni e il Liceo di Bururi. E’ poi entrato nel seminario maggiore di Burasira a Ngozi. Dopo questi studi ha fatto un anno di esperienza pastorale alla Scuola Tecnica Superiore di Kiryama. Viene poi mandato dalla Diocesi di Bururi a Roma per proseguire gli studi di teologia presso la Pontificia Universitas Urbaniana.  

Ordinato sacerdote della Chiesa Cattolica il 20 luglio 2013 in Burundi, don Eric Manirambona ha coperto vari incarichi ecclesiastici: cancelliere esegretario del vescovo di Bururi, direttore diocesano delle Pontificie opere missionarie.Per 5 anni ha svolto il ruolo di “Aumonier” (accompagnatore spirituale) nella scuola tecnica superiore “Monseigneur Bernard Bududira” creata e gestita dall’istituto religioso femminile di diritto diocesano “Disciples du Christ”.Da settembre 2018, don Eric Manirambona esercita il ministero sacerdotale nella Diocesi di Arezzo come prete fidei donum, svolgendo l’incarico di Vicario Parrocchiale della Parrocchia di S. Francesco sita in Saione.

Da cosa nasce l’idea di fondare l’Associazione Gemma Burundi?

Don Eric Manirambona, da piccolo, è stato costretto a sopportare non poche umiliazioni per la condizione di povertà in cui versava la sua famiglia; così anche tanti altri bambini del Burundi provenienti dalle famiglie povere. Pertanto, don Eric ha sempre sofferto per tutte le umiliazioni e abbandoni degli studenti poveri come lui in tutte le scuole dove ha vissuto sia come studente sia come formatore o per il servizio pastorale.Per fortuna sulla sua strada, don Eric ha incontrato delle persone generose e altruiste che lo hanno sempre incoraggiato e sostenuto anche economicamente, particolarmente suo zio paterno, al quale resta sempre riconoscente.Da questa esperienza nasce in don Eric il forte desiderio di donare, a sua volta, agli studenti burundesi disagiati, una chance per potersi istruire, avere un lavoro, avere una propria dignità ed emanciparsi nella propria terra.

IL CUORE DELLE NOSTRE ATTIVITÀ

Oggi, l’educazione resta ancora un diritto inaccessibile per milioni di bambini nel mondo. In Burundi un gran numero di giovani non ha accesso alla scolarizzazione di base e all’insegnamento secondario per dei fattori legati all’indigenza dei genitori. Questi ragazzi si ritrovano allora ai margini del sistema educativo e non beneficiano dell’apprendimento essenziale al loro sviluppo intellettuale e sociale; molti bambini cresciuti in famiglie disagiate sono obbligati ad abbandonare la scuola per lavorare e contribuire ai bisogni delle loro famiglie.Riteniamo che l’educazione sia un diritto umano che deve essere accessibile a tutte le persone, senza alcuna discriminazione. Tutti i bambini devono poter frequentare la scuola, ed anche beneficiare delle stesse opportunità di costruirsi un futuro.Purtroppo anche gli studenti che, durante le vacanze, non sanno come impegnare il loro tempo perché non hanno un posto dove ritrovarsi, vagano per le strade cadendo facilmente vittime della delinquenza o indotti al consumo di stupefacenti per mancanza di sorveglianza.Per questo abbiamo creato una associazione per l’educazione che potrà contribuire a supportare gli studenti nel loro saper vivere e nel loro saper fare. Noi vogliamo supportare i ragazzi più disagiati che hanno il coraggio di proseguire gli studi e l’inquadramento degli allievi in generale durante le vacanze.


Social media & sharing icons powered by UltimatelySocial